Azienda

La storia della E.M.B. inizia nel 1979 con i fondatori Pietro e Fortunato Balduzzi, due fratelli che condividono la voglia di fare e in particolare la  passione per l’elettrotecnica.
Nei primi anni il lavoro riguarda prevalentemente la realizzazione e la manutenzione di equipaggiamenti elettrici inerenti ad impianti di trasporto a fune per risalita su campi da sci invernali e l’impiantistica elettrica  industriale - terziario.
I fratelli Balduzzi si sono sempre dimostrati molto attenti alle novità tecnologiche , verso la fine degli anni 80 iniziano a sviluppare i primi software per PLC collegati all’automazione industriale, si gettano le basi per un ramo dell’azienda che tutt’oggi è molto operativo.
Nello stesso periodo, con l’entrata nel mercato dei primi Personal Computer, si attivano  presto per impiegare la nuova tecnologia  nella quotidianità lavorativa dell’Azienda.
Verso la fine degli anni 90, rispondendo alle richieste di alcuni clienti, viene valutata e avviata una fase di espansione anche verso l’estero. Vengono progettati e realizzati impianti destinati a paesi come: Cina, Stati Uniti, Russia, Etiopia, Messico, Bhutan, Perù, Romania, Repubblica Ceca, Polonia, Francia, Spagna, Portogallo, Germania, Inghilterra.
Per adeguarsi alla fase di crescita, nel 2000 l’Azienda si trasferisce nella nuova  sede in via San Lucio 37/3 a Clusone, più ampia e funzionale rispetto alla precedente. Segue un incremento del personale e delle attività svolte. Grazie all’esperienza decennale dei fratelli Balduzzi e all’impegno dei collaboratori, si raggiunge un buon livello professionale.
Gli spazi disponibili della nuova sede permettono di realizzare una discreta quantità di quadri con software  e impiantistiche bordo macchina.
Negli anni  sono stati realizzati cablaggi elettrici a servizio di  impianti di risalita invernali (funivie, seggiovie, sciovie a fune alta, ecc..) in stazioni sciistiche rinomate come  Abetone, Gran Sasso, Courmayeur, Marmolada, Sestriere,  Livigno, Madesimo, Stelvio, Chiesa Valmalenco, Santa Caterina Valfurva, Monte Rosa, nonché in parecchie località delle Prealpi Lombarde; per alcuni di questi impianti, anche le cabine di trasformazione Media-Bassa tensione e i quadri di distribuzione Power Center.
Con le medesime modalità si interviene a bordo di impianti per trasporto materiale come, per esempio, la teleferica di Marone (BS), la teleferica “Camplung-Muschel” in Romania e la teleferica Savona-San Giuseppe (la quale si sviluppa su un tracciato di 12 Km); blondin adibiti al sollevamento/trasporto di carichi fino a 20.000 Kg per la costruzione delle dighe realizzate in paesi come, Portogallo, Etiopia, Perù ed India.
Col passare degli anni, e con l’avvento di nuove tecnologie, i f.lli Balduzzi decidono di trasferire l’esperienza acquisita nel campo dell’automazione industriale verso gli impianti funiviari.
Inizia un nuovo capitolo per l’Azienda: con l’introduzione  dei PLC di Sicurezza vengono sviluppati i primi impianti per la gestione e controllo delle vetture per  funicolare come, per esempio, a Caldaro, Genova e Napoli; impianti combinati orizzontali-verticali e piani inclinati (sempre a Genova).
Il nuovo sistema viene molto apprezzato dalla clientela, è estremamente intuitivo per il personale addetto, riduce notevolmente i fermi macchina.
Con gli stessi criteri vengono realizzati equipaggiamenti completi per l’azionamento di sistemi per trasporto persone su tappeto rullante per sciatori, destinati al mercato Italiano e Francese.